Hosting Wordpress

Nella propria gamma di abbigliamento, ION propone anche una vasta scelta per le biker, comprese alcune soluzioni per i mesi più freddi. Soluzioni che mirano a non far rimpiangere i periodi più caldi, grazie alla protezione dal freddo ed alla leggerezza che offrono, come la giacca Insulation jacket Aerial da noi testata.

Descrizione

La giacca è realizzata in Poliestere ed è dotata di fodera Primaloft Silver, un tessuto isolante con caratteristiche di morbidezza e progettato per mantenere costante la temperatura interna anche nelle giornate più fredde.

Con la tecnologia Thermo_Mapping, invece, viene impedito il surriscaldamento mentre la parte frontale e le maniche sfruttano un rivestimento Wind_Hater per proteggere dal vento con l’aggiunta di un trattamento idrorepellente a protezione dalla pioggia. Il lato posteriore è realizzato, invece, in pile spazzolato Technostretch traspirante.

Le tasche sono tre, di cui due esterne con zip e una interna con chiusura a velcro. La tasca esterna destra, inoltre, è dotata di un piccolo panno in microfibra per la pulizia degli occhiali.

L’orlo inferiore è dotato di regolazione mediante elastico. I polsini sono invece elasticizzati.

La Insulation Jacket Aerial è, inoltre, dotata di cappuccio non rimovibile e con chiusura non regolabile ma anch’essa elasticizzata. Sono presenti, infine, alcuni inserti riflettenti.

La Insulation Jacket Aerial è disponibile nel solo colore Dark Night e nelle taglie dalla XS alla XL. E’ in vendita al prezzo di € 199,95.

Info: www.ion-products.com

Il test                                                                                            di Ivana Murace

La vestibilità della Insulation Jacket Aerial è regolare, quindi né troppo aderente né molto ampia. Sia il taglio che l’aspetto estetico sono molto gradevoli al punto che rendono questa giacca utilizzabile in maniera disinvolta anche al di fuori del contesto per il quale è stata progettata e senza sentirsi assolutamente a disagio. Le regolazioni si limitano all’elastico presente sull’orlo inferiore, ma sono più che sufficienti visto il taglio della giacca, avremmo solo preferito avere una simile regolazione anche per il cappuccio. In ogni caso il tessuto morbido ed elasticizzato consente ogni libertà di movimento ma l’aspetto che ci ha maggiormente impressionato è la leggerezza di questa giacca, che una volta indossata dà l’impressione di non essere poi in grado di proteggere dal freddo una volta in giro sui trail. Ma ci siamo dovuti ricredere.

Il comfort alla guida è notevole. Le sensazioni avute appena indossata si ripetono anche una volta in sella, con la giacca che addosso sfoggia un’eccellente leggerezza che non ostacola alcun movimento, anche grazie alle maniche della giusta lunghezza che non lasciano scoprire i polsi anche nelle azioni più movimentate.

Anche nelle giornate più rigide e alle alte velocità la protezione dal freddo offerta dalla Insulation Jacket Aerial si è attestata su alti livelli. I polsini, pur essendo privi di una regolazione della chiusura, grazie alla loro elasticità riescono a schermare bene dal vento così come dall’acqua, altro punto forte di questa giacca che si è dimostrata come un’ottima barriera dalla pioggia.

La traspirabilità si è dimostrata di buon livello, anche se non ci si deve aspettare un’ottima ventilazione affrontando ad esempio una lunga salita, durante la quale sarà il caso di riporla nello zaino. E’ una caratteristica che comunque non ci stupisce dal momento che si tratta di una giacca che nasce per affrontare il freddo intenso.

Le tasche sono ampie al punto giusto da poter trasportare anche un telefono cellulare. Come sempre ION non fa mancare un funzionale panno in microfibra, collegato con l’interno della tasca destra tramite un elastico e rivelatosi efficace nel pulire gli occhiali oppure il display della fotocamera o dello smartphone.

Pur avendo un prezzo non particolarmente popolare, l’Insulation Jacket Aerial rispecchia tutte le caratteristiche che deve avere una giacca per poter essere utilizzata con soddisfazione in sella senza rimpiangere le giornate più calde, arrivando quasi a dimenticare di averla addosso.