Hosting Wordpress

Presente già da due anni nella gamma di GPS Garmin, l’Edge 820 è solo una delle tante proposte del colosso americano da anni specializzato nella produzione di dispositivi di navigazione per svariati ambiti di utilizzo, compreso il ciclismo e in particolare la mountain bike.

Descrizione

L’Edge 820 è un bike computer dalla linea compatta che propone una serie di funzionalità, compresa la caratteristica di essere di tipo cartografico, avendo precaricata la Garmin Cycle Map, una mappa contenente punti di interesse, percorsi ciclabili e tanto altro. E’ molto interessante la funzione Round-Trip-Routing, con la quale una volta inseriti punto di partenza, arrivo e distanza indicativa che si vuole percorrere, l’Edge 820 propone tre diversi itinerari ad anello, dando la possibilità all’utente di scoprire nuove strade su cui pedalare.

Il display a colori, touchscreen capacitivo e ad alta risoluzione ha una diagonale di 2,3 pollici, è utilizzabile anche sotto la pioggia e indossando i guanti. Il sensore di luminosità integrato modula automaticamente la brillantezza del display, a seconda delle condizioni atmosferiche, mentre la batteria dichiara un’autonomia fino a 15 ore, che aumenta fino al 50% attivando la modalità Battery Save tramite la quale si accende il display solo quando si vogliono leggere i dati.

Il GPS è compatibile con il sistema satellitare russo GLONASS e grazie anche all’altimetro integrato garantisce una rilevazione estremamente precisa dei dati di velocità, distanza e altitudine percorse. Il dispositivo, inoltre, è compatibile, tramite protocollo ANT+, con i sensori Garmin di velocità, cadenza e frequenza cardiaca.

Altra funzione interessante è la Group Track, mediante la quale è possibile non perdere mai di vista i propri compagni di uscita o di allenamento. L’Edge 820, infatti, è in grado di rilevare e mostrare sul display l’esatta posizione georeferenziata di ogni biker, fino ad un numero massimo di 50, tramite l’applicazione Garmin Connect Mobile.

L’Edge 820 è compatibile tramite protocollo ANT+ con il sensore di potenza Garmin Vector che misura i watt espressi dal ciclista, analizzando e comparando la potenza espressa dalla gamba destra e dalla sinistra, in modo da fornire la possibilità all’atleta di analizzare i dati ed eventualmente apportare dei correttivi nella preparazione atletica.

Altra interessante caratteristica è la compatibilità con la serie Radar Varia, l’innovativo sistema con luce posteriore integrata per biciclette che segnala al ciclista le vetture in avvicinamento alle proprie spalle, molto importante ai fini della sicurezza. In ambito sicurezza si inserisca anche la funzione Incident Detection (“rilevazione degli incidenti”), ovvero un sistema di rilevamento automatico di un eventuale incidente o avaria della propria bici. L’accelerometro integrato, qualora la bici rimanga ingiustificatamente sdraiata a terra dopo un impatto, riconosce la situazione di allerta ed è in grado di inviare ai numeri di emergenza salvati un SMS contenente l’esatta posizione in cui si trova l’utente.

Le dimensioni dell’Edge 820 sono di 73 x 49 x 21 mm, per un peso di 67 grammi. L’Edge 820 è in vendita al prezzo di € 349,99 nella versione base, che comprende oltre al dispositivo le staffe di montaggio, il cavo USB di ricarica e il laccetto di sicurezza. Nella versione “Pacchetto” il prezzo sale a € 449,99 con l’aggiunta della fascia toracica cardio, sensore di cadenza e sensore di velocità.

Info: www.garmin.com

Il test

Il montaggio al manubrio o all’attacco manubrio avviene senza difficoltà grazie alla dotazione di supporti che consentono la massima personalizzazione dell’utilizzo anche in presenza di attacchi manubrio corti. Grazie alle dimensioni contenute, inoltre, non si ha alcuna difficoltà a posizionare l’Edge 820 liberamente su manubrio o attacco. La configurazione iniziale, infine, è facilitata da una procedura guidata molto intuitiva.

Sempre parlando di dotazione, è particolarmente esaustiva quella relativa alla mappa precaricata già in memoria. E’ possibile sfruttarla per impostare un percorso direttamente dal dispositivo oppure scegliendo i punti di interesse contenuti nella stessa mappa, ma è possibile anche creare il tragitto scaricandolo dal portale Garmin Connect/Mobile.

Le dimensioni del display non sono particolarmente generose, ma offrono comunque una buona leggibilità e una vista più che sufficiente dei dati rilevati e soprattutto consentono di contenere il consumo della batteria, che sul campo si è dimostrato in linea con quanto dichiarato dal produttore.

Le informazioni visualizzabili sul display durante l’allenamento sono configurabili dall’utente e con esse si può interagire facilmente grazie alla caratteristica del display di essere touch screen. L’abbiamo trovato molto funzionale nell’utilizzo sia a mani nude che con guanti compatibili a tale utilizzo e in presenza di bagnato.

L’Edge 820 è personalizzabile anche attraverso la piattaforma online Garmin Connect IQ, da cui è possibile scaricare gratuitamente app e widget. Tramite il collegamento Bluetooth, inoltre, è possibile associare il dispositivo al proprio profilo Garmin Connect, permettendo quindi la condivisione in tempo reale dei dati registrati durante una pedalata. Ovviamente è anche possibile scaricare dal portale e caricare sul dispositivo attività, allenamenti e tracce. Non manca, ovviamente, la possibilità di condividere i dati sui più famosi social in rete mentre abbiamo trovato particolarmente utile la funzione LiveTrack che consente di far conoscere in tempo reale ad amici e parenti la propria posizione, ma anche la possibilità di visualizzare sul display le Smart Notification dal proprio smartphone, quindi SMS e chiamate in arrivo sul telefono cellulare.

La dotazione dell’esemplare da noi testato comprendeva anche la fascia cardio ed i sensori di cadenza e velocità. La fascia cardio si è rivelata molto utile per monitorare con precisione la frequenza cardiaca ma anche il massimo consumo di ossigeno (VO2 Max – utile per ricavare la massima potenza aerobica), la potenza massima sostenibile in un’ora (FTP, “Functional Threshold Power”) ed il rapporto watt/kg.

Si tratta, in definitiva, di un dispositivo dalle notevoli prestazioni e che offre un elevato numero di funzionalità in grado di soddisfare la stragrande maggioranza di biker, in particolare quelli più attenti all’allenamento ed al rilevamento delle prestazioni personali. In alcune situazioni ci sarebbe solo piaciuto avere a disposizione un display di dimensioni un po’ più grandi, anche se ciò andrebbe poi a discapito dell’autonomia della batteria. Sul campo lo abbiamo trovato comunque molto preciso nel rilevamento sia della posizione che dei dati in generale e l’autonomia della batteria si è rivelata adeguata alle sue caratteristiche.