Centurion Numinis Carbon: “From zero to hero”




Comunicato stampa

I 40 anni della casata Centurion sono stati festeggiati con l’argento del team Centurion VAUDE al Cape Epic del 2016, una sferzata di orgoglio che ha fatto investire il brand tedesco sul modello della vittoria, la mountain bike Numinis Carbon XC Team 29er 2017.

Numinis_Carbon_XC_Team_29_MY2017

Telaio in carbonio da 1780 gr, geometrie ideali per performance agonistiche. La Numinis Carbon non è una bici da chiacchiere al bar, ma una vera potenza per fare risuonare i muscoli, e i risultati parlano da soli. Dal 2012, infatti, è la bici che ha fatto vincere Markus Kaufmann alla Marathon Championship tedesca, che ha poi inanellato 3 vittorie consecutive alla Trans-Alp insieme al compagno Jochen Käß, record assoluto di medaglie d’oro. Ma a fare la differenza è stato il 2016, con una carrellata di coppe tra BIKE Transalp e Cape Epic, dove si è guadagnata l’argento assoluto col duo composto da Mathias Pfrommer e Nicola Rohrbach, alla guida del prototipo Numinis Carbon XC Team 29er nella nuova versione 2017. “Ancora non so come ce l’abbiamo fatta – ha dichiarato ancora incredulo Pfrommer dopo la gara – ho dato tutto il merito alla bici”.

centurion_bikes_2017_highlights_numinis_carbon_XC-Team-29_image04 centurion_bikes_2017_highlights_numinis_carbon_XC-Team-29_image05

Ma non c’è da stupirsi se a calcare il podio sia stato il team in sella alla nuova Numinis, perché la full suspension di Centurion raccoglie le glorie di un duro lavoro preparatorio, portato avanti per mettere a punto un mezzo fuori dai ranghi. Per il 2017, infatti, la Numinis Carbon è stata riprogettata con nuove accortezze, per affinare la sua anima endurance e diventare progressivamente un tutt’uno con il corpo dell’atleta.

centurion_geoskizze_rgb_300dpi_6000px numinis-geo

 

Le caratteristiche tecniche per il 2017

Il segreto di questa macchina da gara sta nella somma delle sue componenti: il peso di soli 9,55 kg (misura 43”), la notevole rigidità e precisione di guida si combinano bene con l’agilità e – importante per gli atleti – la nuova geometria, che lascia abbastanza spazio per la seconda borraccia, avendo riposizionato l’ammortizzatore a ridosso del tubo orizzontale per aumentare il trasferimento di energia alla sospensione. Si passa quindi da uno schema sospensorio “float link” della precedente versione, all’attuale “flex link”, ossia un monocross privo del punto di infulcro tra il sottosella e il forcellino, il quale ammortizza un carro posteriore ricavato da un pezzo unico in fibra di carbonio. Tra le novità del 2017 si possono sottolineare anche le migliorie a livello di predisposizione al montaggio, come il passaggio interno dei cavi, lo standard della guarnitura Sram Boost e l’integrazione del reggisella telescopico.
unnamed (2)

unnamed (3)

La Numinis ha una duplice anima, che la rende adatta a utilizzi che spaziano dall’uso agonistico all’esplorazione tipica del trail: sono le due versioni XC/marathon da 100 mm di escursione e marathon/touring da 120 mm. La prima è declinata in una gamma da 4 montaggi Carbon per tutti i gusti, sempre con ruote da 29”, dalla top di gamma XC Team 29, usata dal Team Centurion VAUDE (venduto anche solo come frame kit), al modello “entry level” 1000.29 (a partire da € 3.995). La versione touring ha ruote da 27.5” e offre i due montaggi (2000 e 1000, a partire da € 2.099).

Numinis 2000

Numinis 2000

www.centurion.de



Share this:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *