Al bike park ma con cautela
Con i bike park ormai in piena stagione, i rider più gravity non vedranno l’ora di fiondarsi sui trail più adrenalinici per fare un pieno di divertimento. Ai principianti raccomandiamo di fare molta pratica nei salti prima di avventurarsi nelle discese più ardite, che solitamente nei bike park sono sempre condite di salti di una certa importanza. E’ consigliabile, quindi, recarsi in quei bike park che offrono la possibilità di saltare su un airbag, dove è possibile fare pratica per trovare la giusta posizione dopo lo stacco ed il giusto allineamento per atterrare in sicurezza, avendo anche la possibilità, in caso di necessità, di mollare la bici in volo e atterrare in sicurezza.
La merenda al fresco
Con le giornate più calde sorge la necessità di conservare al meglio la merenda che ci si porta sui sentieri, che sia essa un panino o una barretta energetica, in modo da evitare di cuocerla al caldo. Si può riempire la sacca idrica con liquido fresco e poi posizionare il panino o la barretta sopra la sacca, in modo che il liquido mantenga al fresco la vostra merenda.

Attenti ai colpi di calore!
Nel periodo più caldo dell’anno c’è sempre il rischio di eccessivi colpi di calore o esposizioni solari. Per prevenire sarebbe opportuno proteggere almeno collo e naso con una crema solare, ma chi ha la pelle più chiara farebbe bene a metterla anche su braccia e gambe. Sarebbe poi buona cosa portarsi oltre allo zaino idrico anche una borraccia d’acqua, se la si può trasportare direttamente sul telaio della bici. In caso di surriscaldamento, infatti, un po’ di acqua in più tornerebbe utile per bagnare la testa, le braccia e le gambe. A tal proposito considerate che anche per i telai che hanno una predisposizione non proprio felice per la borraccia, è possibile adottare un portaborraccia ad estrazione laterale, che ne faciliterebbe l’uso, oppure specifiche cinghie che consentono di collegare il portaborraccia praticamente ovunque.