Hosting Wordpress

Tra le ultime novità presentate da Giro per la stagione più fredda spiccano i guanti Blaze 2.0, pensati per i biker che non si fermano neanche con il freddo più intenso e considerato come le mani, insieme ai piedi, sono quelle che risentono maggiormente delle basse temperature, non potevamo non approfittarne per provarli durante questo inverno.

Descrizione

I Blaze 2.0 derivano dal precedente modello Blaze, del quale mantengono la semplicità del disegno, pur sfoggiando una costruzione in Polartec Windbloc sul dorso con fodera interna in micropile per garantire protezione dal freddo e dalla pioggia ma anche la massima maneggevolezza della bici, grazie anche ad una costruzione a tre pannelli.

Il palmo in pelle scamosciata, sviluppato per i guanti da sci e snowboard, è stato progettato per assorbire poca umidità ed è foderato anch’esso in pile per un’ulteriore protezione dal freddo ma anche dall’abrasione.

Palmo, inoltre, che offre anche un’imbottitura in gel ottimizzata ed è anche touch sensitive in corrispondenza del pollice e dell’indice, in modo da consentire l’utilizzo dei dispositivi mobili senza togliere i guanti.

Il polsino è in morbido neoprene antiscivolo.

Il dorso, infine, offre una stampa riflettente per una maggiore visibilità in condizioni di scarsa luminosità.

I Blaze 2.0 sono disponibili nei colori Black e Highlight Yellow/Black e nelle taglie M, L, XL e XXL. Sono in vendita al prezzo di € 39,95.

Info: www.giro.com

Il test

Dei Blaze 2.0 ci ha colpito il loro design pulito, che consente di indossare questi guanti invernali continuando a mantenere un’ottimo feeling con il manubrio, cosa che spesso non riesce a garantire la maggior parte dei guanti per le basse temperature, che pur proteggendo dal freddo si dimostrano più goffi e rendono la guida meno sicura.

Giro consiglia di utilizzare questi guanti in un range di temperature che va dai 4° ai 10°. In realtà noi ci siamo spinti anche oltre, arrivando a sfiorare gli 0° nel corso delle uscite più rigide offerte da questo inverno, rimanendo impressionati per come i Blaze 2.0 riescono a mantenere le mani calde anche in presenza di vento freddo.

La presenza di un polsino privo di velcro conferma la semplicità di questi guanti, che consentono di essere indossati velocemente e senza bisogno di preoccuparsi di sistemare il velcro in corrispondenza della manica della giacca.

Il comfort si è mantenuto su ottimi livelli, grazie all’elasticità dei materiali adottati e agli inserti in gel posizionati strategicamente sul palmo. Palmo, inoltre, che abbiamo apprezzato per il suo spessore contenuto visto che anche in inverno preferiamo guanti non particolarmente imbottiti, in modo da continuare ad avere il giusto feeling con il mezzo.

I guanti invernali da mountain bike devono avere il giusto equilibrio tra maneggevolezza e calore. Se sono troppo pesanti, infatti, si fa fatica a guidare il mezzo e se sono troppo leggeri si finisce con il ritrovarsi con le dita intorpidite dal freddo. I Blaze 2.0 non sono pensati per le temperature al di sotto dello zero ma si sono dimostrati ottimi nel riuscire a mantenere calde le mani senza ostacolare mai nella guida, e queste caratteristiche insieme al prezzo contenuto li rendono una valida scelta per affrontare le uscite invernali.