In test: Zéfal Z Hydro L




Sono innumerevoli le soluzioni che Zéfal propone per il trasporto di attrezzature sulla bicicletta. Tra di esse ha recentemente introdotto anche due zaini idrici di dimensioni differenti, che in effetti mancavano nel vasto catalogo di accessori del produttore francese. Dopo aver provato lo scorso anno lo Z Hydro M, ovvero il modello di volume più ridotto, Zéfal ci ha inviato anche la versione con un volume di carico più generoso, lo Z Hydro L, e dopo otto mesi di test siamo in grado di fornirvi le nostre impressioni.

DSC_5902-2

Descrizione

Lo zaino Z Hydro L è stato studiato per le uscite di breve/media durata, vista la sua capacità di carico pari a 3 litri. E’ realizzato in Nylon e Ripstop Poliestere

DSC_5921

E’ dotato di diverse tasche, tra cui una più esterna rivestita internamente in velluto per contenere oggetti fragili come uno smartphone, una fotocamera compatta o un paio di occhiali.

DSC_5937

Il vano principale, a singola zip, comprende quattro tasche di varie dimensioni e una tasca a rete con zip. E’ presente, inoltre, un gancio per eventuali chiavi.

DSC_5912

Lo schienale e gli spallacci sono caratterizzati da rinforzi in schiuma per renderlo più confortevole. Le cinghie sono regolabili per una facile personalizzazione.

DSC_5907

Sul retro lo zaino è dotato, infine, di un passante per luce posteriore.

DSC_5929

La sacca idrica, in dotazione allo zaino, è la stessa del fratello minore Z Hydro M ma ha una capacità di 2 litri. E’ alloggiata in un vano separato con zip. Il boccaglio è dotato di valvola automatica per l’apertura e la chiusura ed è realizzato con materiale antimicrobico. Le dimensioni della sacca idrica sono di 340 x 165 mm.

Il peso da noi rilevato del solo zaino, senza sacca idrica, è stato di 360 grammi. Lo Z Hydro L è disponibile nei colori nero o rosso/blu ed è in vendita al prezzo di € 54,95.

Info: www.zefal.com


Il test

Lo Z Hydro L, per il suo volume di carico ben definito, si presta per tutte quelle uscite che solitamente non richiedono alimenti ed indumenti extra, che abbiano quindi una durata non eccessivamente lunga.

_DSC9281

Nonostante il peso leggero, lo schienale offre una generosa imbottitura che si è rivelata molto comoda sulla schiena. Imbottitura che comunque permette ancora una buona ventilazione grazie al posizionamento strategico della stessa, che riesce a creare una canalizzazione per l’aria in modo da mantenere buoni livelli di aerazione sulla schiena.

DSC_5938

Gli spallacci sono dotati di una leggera imbottitura, ma la preferiamo così dal momento che se fosse molto più generosa andrebbe a creare qualche difficoltà a livello di stabilità. Quest’ultima si è mantenuta infatti su ottimi livelli anche a pieno carico anche se avremmo preferito avere una cintura in vita un po’ più larga.

DSC_5904-2-disturbo-3

DSC_5945

Lo zaino presenta un numero più che sufficiente di tasche per un uscita di breve o media durata. Riesce a starci infatti tutto il necessario, come un telefono cellulare o una fotocamera compatta, che potrà alloggiare al sicuro nella tasca con morbida fodera interna, una camera d’aria, una mini pompa, leve cacciagomma, un paio di cartucce di CO2, multitool, documenti, chiavi e qualche barretta energetica.

DSC_5912

Come nel modello di taglia inferiore, anche nello Z Hydro L le tasche sono raggruppate in un ampio vano con zip che si apre quasi completamente e il cui fondo può essere utilizzato per riporvi ciò che non è possibile inserire nelle tasche.

DSC_5915

La sacca idrica in dotazione è la stessa di quella già trovata con lo Z Hydro M, ma consente una capacità idrica di 2 litri. Abbiamo già avuto modo quindi di apprezzare le sue caratteristiche qualitative che hanno trovato conferma anche in questa versione. Anch’essa sfoggia un’ampia apertura, in modo da consentire agevolmente di pulire il suo interno e favorire una rapida asciugatura.

DSC_5943

La sacca è alloggiata in un vano specifico dello zaino, ben agganciata ad un velcro che la fa rimanere ben dritta. Il vano è ampio e potrebbe far venir voglia di utilizzarlo anche per riporre qualche altro oggetto insieme alla sacca idrica, cosa che noi sconsigliamo anche perché abbiamo notato che in questo caso lo zaino assumerebbe una forma troppo arrotondata che renderebbe poi inefficaci le imbottiture presenti sullo schienale.

_DSC9283

Si rivela utile, infine, il passante posteriore pensato per agganciare un eventuale luce a favore di una maggiore visibilità nelle ore serali. Manca invece un sistema di aggancio per il casco, che noi comunque riteniamo utile solo nei pochi casi in cui si devono percorrere lunghe strade sterrate in salita.

_DSC9282

Leggerezza e funzionalità sono i punti di forza dello Z Hydro L, ma anche la resistenza all’usura non è stata da meno, visto che dopo gli otto mesi di test non mostra ancora evidenti segni di utilizzo. Caratteristiche che, visto anche il prezzo contenuto, lo rendono un’ottima scelta per chi è alla ricerca di uno zaino idrico per uscite di breve o media durata e dal prezzo non elevato.

Share this:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *