In test: Wide-Eyez




Quando Graham Hill (no, non stiamo parlando del due volte Campione del Mondo di Formula 1 degli anni ’60) ci ha inviato dal Colorado la sua Wide-Eyez per un test, abbiamo inizialmente nutrito qualche perplessità sul suo utilizzo in ambito mountain bike ma allo stesso tempo avevamo anche una grande curiosità di metterla alla prova in diverse condizioni, e in effetti in alcuni casi si è rivelata una vera sorpresa.

_DSC2090

Descrizione

La Wide-Eyez è una visiera realizzata in plastica acrilica e progettata per essere applicata al casco con l’obiettivo di fornire una protezione da sole, vento, pioggia, grandine e neve. Consente, inoltre, di utilizzare anche occhiali da vista e di essere spostata in alto se non utilizzata o addirittura essere rimossa del tutto.

DSC_8727

Si applica quasi ad ogni modello di casco tramite una coppia di adesivi 3M e di velcri. E’ disponibile in tre diverse colorazioni: Clear, Solar Bronze e Smoked Grey. Il peso da noi rilevato della visiera è stato di 48 grammi mentre l’hardware di montaggio pesa 23 grammi.

DSC_8742

La Wide-Eyez è in vendita direttamente sul sito del produttore al prezzo di $ 39,95, comprensivo di una visiera a scelta tra i tre colori e l’hardware per il montaggio. E’ possibile, inoltre, acquistare la confezione Day & Night, che comprende due visiere di cui una Clear e una a scelta tra Bronze e Smoked Grey, oltre all’hardware di montaggio, al prezzo di $ 59,95.

Info: www.wideeyez.com

Il test

L’installazione della Wide-Eyez sul casco si effettua senza particolari difficoltà. Dopo aver smontato la normale visiera, se presente, una volta fissati i due adesivi ai lati del casco, è poi possibile applicare la Wide-Eyez tramite i due agganci a velcro, che a loro volta si fissano alla visiera tramite una vite. Tali agganci possono comunque ruotare in modo da permettere sia di abbassare che di alzare completamente la visiera. In caso di errore, comunque, gli adesivi possono essere rimossi, se fatto immediatamente, e riposizionati correttamente. In ogni caso, il produttore mette a disposizione sul proprio sito un video descrittivo del montaggio.

DSC_8734

Abbiamo ricevuto in test sia la versione Solar Bronze che la Clear. In ogni caso l’azionamento della Wide-Eyez per abbassarla o sollevarla è molto pratico e una volta collocata in una delle due posizioni la stessa resta ben stabile, grazie alla presenza di due piccoli fori di bloccaggio alle sue estremità.

_DSC2083

Il materiale appare di ottima qualità e fornisce una buona visione senza produrre distorsioni, oltre che una notevole protezione dallo sporco e dalla luce solare per quanto riguarda la versione Solar Bronze. In sostanza è quasi come avere una mascherina, sebbene l’aspetto estetico faccia sembrare più un pilota di jet che un mountain biker. Ottima anche la stabilità del montaggio.

_DSC2091

L’abbiamo apprezzata molto nelle giornate particolarmente fredde, quando è risultata molto efficace la protezione dal vento che ha offerto non solo agli occhi ma anche alle zone circostanti e senza comunque generare fastidiosi appannamenti. Nelle uscite serali abbiamo potuto sfruttare, invece, la versione Clear.

_DSC2098

Si tratta di un prodotto abbastanza innovativo, che al di là dell’aspetto un po’ ingombrante, sarà senz’altro apprezzato da chi porta gli occhiali da vista e non si sente a suo agio con le lenti a contatto o non desidera acquistare degli occhiali specifici, ma potrà trovare gradimento anche da chi predilige una maggiore protezione rispetto a quella offerta dai normali occhiali.

Share this:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *