Mainarde Bike Race. La tappa “giù al nord” del Trofeo dei Parchi Naturali

Comunicato stampa

17390566_1250633798384439_7326534330993646696_o

Messe alle spalle le fatiche di Giugno, il Trofeo dei Parchi Naturali, dopo aver lasciato agli atleti tutto il tempo per recuperare, continuare la preparazione e, perché no, godere di qualche giornata al mare, è pronto a ripartire dalla sua tappa più a Nord: la Mainarde Bike Race, tappa con sede in Molise, nella piccolissima località di Filignano.

Quella del 23 luglio, nonostante il Gpm più alto sia previsto a soli 1000 mt (circa), è da considerarsi una vera e propria tappa di Montagna. Lungo i quasi 50 km del tracciato Granfondo, gli atleti dovranno affrontare 1900 mt di dislivello pedalando ai piedi della Catena Montuosa delle Mainarde, lambendo i limiti meridionali del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Due i tracciati disegnati dall’Asd Iapca Iapca: il percorso Granfondo da 50 km e il Mediofondo da 36 km.

Si parte dai 500 mt s.l.m. di Filignano ed è subito salita, con i primi 2 km in asfalto ed 1 km su strada brecciata, alla fine della quale inizia una lunga discesa in sottobosco caratterizzata da numerosi single track dal fondo roccioso. Si prosegue poi tra saliscendi e una seconda salita su asfalto che conduce fino al primo ristoro, previsto presso il “Varvarusa Golf Club”. Da qui la strada è tutta in salita fino ad arrivare al secondo ristoro previsto al km 15, in località “Mastrogiovanni”. Pochi chilometri per riprender fiato e ricomincia l’ascesa fino al valico di “Valle Fossa”. Siamo esattamente a metà percorso, ai 25 km, quando inizia una discesa disseminata da single-track, e con pendenze negative da brividi, che conduce fino a “Borgo Cerasuolo”, laddove i percorsi si dividono (km27).

I granfondisti riprenderanno a salire per un altro paio di chilometri, fino a raggiungere località “Valle Vona” da cui parte una veloce discesa su breccione che si conclude nel letto del “Torrente Rio Chiaro”, per poi ridurre i rapporti e ricominciare nuovamente a salire in vista di “Borgo Mennella”. Qui è previsto il cancello orario (3 ore dalla partenza). Chi arriva in tempo ha pochi metri per rifiatare lungo il sentiero che conduce fino alla “Cappella del Morzone”, dove è previsto il terzo ristoro, per poi iniziare la scalata più temuta della giornata: 2 km da sfinimento che condurranno fino al gpm della giornata previsto a Vallecchione.

Dopo lo scollinamento, nonostante la stanchezza, è richiesto uno sforzo di lucidità non indifferente per affrontare l’ultimo single track molto tecnico, una nuova breve ascesa su asfalto e una discesa finale molto veloce e tecnica nella Pineta di Collemacchia, per poi raggiungere finalmente il traguardo.

Esonerati dalla temutissima salita di Vallecchione, dal 27imo km i mediofondisti seguiranno un tracciato veloce e poco tecnico, alternando passaggi in asfalto e passaggi in sterrato.

L’edizione 2017 presenta due tratti inediti pur conservando l’essenza del tracciato delle edizioni precedenti, un tracciato dove la salita fa la differenza ma non senza una buona dose di tecnica.

Ad animare la sfida sono attesissimi gli Open Mino Ceci e Paolo Colonna (Scott Racing Team), quest’ultimo reduce dall’avventura in azzurro al mondiale di Singen, Angelo Degioia (A.S.D. Scuola di Ciclismo Tugliese) e Marco Ioppolo (A.S.D Ciclo Record), che deve assolutamente puntare ad un piazzamento se vuole continuare ad avere qualche speranza per la leadership del Trofeo. Tra gli amatori, invece, un Luigi Ferritto  chiamato a difendere la maglia fiorata, Guido Cappelli, già vincitore della I edizione, e Giovanni Pensiero, ne faranno vedere sicuramente delle belle. Si preannuncia scoppiettante anche la sfida al femminile, con

con Loredana Varlese pronta a difendere la vittoria dell’anno scorso.

Intanto, gli uomini capitanati da Pietro Verrecchia e Armando Di Meo, sono costantemente a lavoro per realizzare la migliore edizione della Mainarde Bike Race. Al solito impegno sul percorso e attenzione ai servizi da dedicare all’atleta, lo staff è pronto a regalare un sabato ricco di animazione: con Gimkana per i più piccoli, itinerario gastronomico e musica live.

Restano ancora pochi giorni per iscriversi ed effettuare il pagamento, fissato a 30 euro per gli uomini e 25 euro per le donne entro il 21 luglio.