Iscrizioni aperte alla 15ᵃ Ötzi Alpin Marathon

Comunicato stampa

Oggi 1° dicembre è il giorno dell’apertura iscrizioni della quindicesima Ötzi Alpin Marathon, in programma il 28 aprile 2018 a Naturno (BZ), manifestazione suggestiva e particolare che deve il proprio nome alla “Mummia del Similaun”, scoperta proprio in queste zone.

A circa 150 giorni dal via, l’ASD Senales con al timone il presidente Peter Grüner e il responsabile del C.O. Peter Rainer presenterà una quindicesima Ötzi Alpin Marathon ricca di colpi di scena.

A Elmar Pichler Rolle, anch’egli membro del comitato, chiediamo invece quali siano le peculiarità della gara: “Alla Ötzi Alpin Marathon una accurata condizione fisica è necessaria, per non dire fondamentale, ma il percorso, soprattutto per chi deciderà di suddividersi le discipline, propone diverse sfaccettature concedendo anche tanto divertimento all’insegna dello sport per tutti, in famiglia o fra amici che faranno “un po’ per ciascuno”.

Quali dinamiche metteranno alla prova gli atleti? “42.2 chilometri e 3266 metri di dislivello totali a dipanarsi dai 550 metri di altitudine della partenza di Naturno, arrampicandosi fino ai 3.212 metri dei ghiacciai della Val Senales”.

Novità in vista? “Se le categorie per competere in team erano riservate solamente a squadre maschili o femminili, visto il boom di richieste ora ci sarà anche l’aggiunta dei team misti. Arricchiremo l’evento anche con una miriade d’iniziative e una grande festa al termine delle premiazioni”.

Procediamo dunque con il racconto della sfida… Come si districheranno i pedalatori delle ruote grasse? “I bikers prenderanno il via da Naturno percorrendo 24.2 km in sella alla propria MTB. I primi sette-otto km sono sì su asfalto, ma con una salita continua e pressante. L’itinerario sale da Naturno sul Monte Sole con pendenze quasi ‘proibitive’ fino a Maso Patleid, poi affronta un tratto off road molto tecnico di quasi due km fino a raggiungere il Maso Innerunterstell e quindi scende fino al Maso Hof Am Wasser in Val Senales, per riprendere a salire verso l’ArcheoParc di Madonna di Senales, dove c’è la zona cambio ed inizia il tratto di corsa podistica”.

Quest’ultimo tratto da lei citato è una chicca per appassionati… “La seconda frazione inizia subito a salire a ridosso di Madonna di Senales su un ripido prato, poi entra nel bosco e si porta fin sulla diga del lago di Vernago, e siamo a 1700 metri dove la fatica si fa sentire maggiormente. C’è da affrontare anche un ponte tibetano, poi la gara passa attraverso l’“Ötzi Rope Parc” e infine affianca la strada provinciale per raggiungere il ponte nei pressi del Maso Untergerstgras che attraversa il torrente di Maso Corto. Al km 11.3 nel parcheggio delle Funivie Ghiacciai a Maso Corto (2.011 metri) è posizionato il secondo cambio”.

Per chiudere in bellezza con lo scialpinismo: “La frazione conclusiva sarà affrontata da Maso Corto (2.011 metri) dagli emuli di “Ötzi” tutta in salita. Si raggiunge il ‘giogo del Contrabbandiere’, si oltrepassa il laghetto del ghiacciaio nei pressi del Rifugio Bella Vista e quindi si arriva al culmine della speciale maratona: i 3.212 metri della Grawand – stazione a monte delle Funivie. È anche la quota del ritrovamento di Ötzi al giogo di Tisa, poco distante dall’arrivo della competizione”.

Per info ed iscrizioni ad 80 euro in singolo e a 185 in team/staffetta:

www.oetzi-alpin-marathon.it e info@oetzi-alpin-marathon.com