Chiara Teocchi ai microfoni di Orobie Cup

Comunicato stampa

teocchi-CX

Il Team Bianchi Countervail settimana scorsa ha presentato la formazione per la stagione agonistica 2017. Anche i sassi sanno che da quest’anno anche Marco Aurelio Fontana farà parte del team “celeste”: sarà lui il biker chiamato a rilanciare nel mondo delle ruote grasse il marchio storico della Factory di Treviglio.
Parlando al femminile invece confermatissima Chiara Teocchi da Sorisole. Da anni ormai è Chiara la portacolori della formazioni di Felice Gimondi in giro per il mondo. Possiamo sembra ombra di dubbio affermare che lei è la “Fontana” al femminile. Un orgoglio tutto bergamasco!!!

In occasione della presentazione del team abbiamo avuto modo di fare proprio due chiacchere con Chiara. Ecco cosa ci ha detto.

Michele Z.: Partiamo dal ciclocross. Stagione finita. Hai portato a casa la maglia di campionessa Europea Under 23. Mentre il mondiale è andato cosi cosi, solo (si fa per dire) un 13esimo posto. Un bilancio?

Chiara T.: Ciao a tutti!! si tutto sommato stagione positiva, speravo come hai detto tu in un mondiale migliore ma mi ritengo soddifatta!

Michele Z.: Ho visto che la tua bici da ciclocross monta i freni a disco. Preferisci questa “novità” oppure i tradizionali freni a pattino? Pensi che diventeranno lo standard anche sulle bici da strada?

Chiara T.: Per me il freno a disco sulla bici da cross è stato qualcosa di fantastico, affrontare gare con molto fango o freddo dove diventa quasi impossibile frenare ed avere la sicurezza di poter contare su una frenata più immediata mi fa stare più tranquilla e affrontare curve o discese con più cattiveria

Michele Z.: Ora presumo che ti stai preparando per la stagione in MTB. Ci puoi svelare la tua settimana tipo di allenamenti.

Chiara T.: Si, ho ripreso da poco gli allenamenti avendo una buona base di ritmo fatta con il cross mi concentro di più sulla tecnica in mtb e su uscite lunghe con la bici da strada

Michele Z.: Primo appuntamento di stagione?

Chiara T.: La prima gara sarà la prima tappa degli Internazionali d’Italia a Rivoli Veronese

Michele Z.: Poi come sarà il programma per l’anno 2017?

Chiara T.: Seguirò il circuito degli Internazionali poi ci saranno le coppe del mondo e gare internazionali per fare un pò di esperienza

Michele Z.: Farai qualche escursione con la bici da strada? Non hai mai pensato di fare il salto abbandonando le ruote grasse per quelle più sottili da asfalto?

Chiara T.: Mi piace molto allenarmi con la bici da strada ma, putroppo, le gare non mi attirano. Ho corso il campionato italiano 2014 quando ero junior, c’è tanto gioco di squadra io sono una a cui piace pedalare per se stessa.

Michele Z.: Torniamo alla polvere della nostra amata MTB. Mancano ancora quattro anni ma stai già pensando a Tokyo 2020?

Chiara T.: Sognare non costa niente quindi si, ci penso.

Michele Z.: Permettemi una domanda anche su Marco Aurelio Fontana. Sicuramente già lo conoscevi frequentando tu l’ambiente della Coppa del Mondo. Ora è un tuo compagno di team. Cosa può dare alla Bianchi? Lo vedi ancora supercompetitivo nelle prove di Coppa?

Chiara T.: Marco è un personaggio ma prima di essere un personaggio è un atleta meticoloso e attento a tutto, l’ho visto molto determinato o come dice lui molto “gasato” le bci gli piacciono molto e si è subito instaurato un bel clima in squadra leggero ma allo stesso tempo siamo tutti concentrati.

Michele Z.: Ultima domanda, cosa farà Chiara Teocchi da grande?

Chiara T.: Spero di continuare a fare quello che sto facendo ora, pedalare, divertirmi e sognare!

Michele Z.: Grazie mille Chiara per la tua disponibilità e cortesia. Ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per la stagione. Spero di vederti magari in qualche tappa di Orobie Cup.

Chiara T.: Grazie mille a voi, sicuramente ci vedremo!!