A Calusco in 300 ma vince Johnny Cattaneo

Comunicato stampa

calusco_2015

Dopo un anno di pausa oggi si è corsa la gara della Befana, la classicissima manifestazione di Calusco d’Adda arrivata alla 27esima edizione. Percorso molto affascinante disegnato sulla sponda sinistra dell’Adda che ha nella salita dei Verghi il punto più spettacolare della gara.

Al via, questa, si sono presentati ben 300 agguerriti biker incuranti del freddo vogliosi di iniziare una lunga stagione agonistica. Pronti via ed alle 9.30 inizia regolarmente la gara. A dettare il ritmo subito i nomi più “importanti” della starter list: Cattaneo, Deho, Corti, Rosa (fratello del pro del team Astana) seguiti a ruota da tutti gli altri big. Appena entrati nel tratto tecnico la gara si infiamma. Una piccola indecisione di Umberto Corti favorisce l’attacco della coppia Deho\Cattaneo che inizia ad alzare il ritmo della corsa sfaldando praticamente i più immediati inseguitori. All’inizio il solo Massimo Rosa sembra riuscire a tenere il passo della coppia bergamasca ma già in prossimità della cava perdeva inesorabilmente le ruote dei due elite. Si forma cosi una coppia al comando. Sulla salita dei Verghi, vero stadio naturale gremito all’inverosimile, transita per primo Cattaneo seguito a pochi metri dall’amico Deho. La coppia prosegue di comune accordo fino alla zona di arrivo scavando un solco incolmabile con i più immediati inseguitori Corti e Rosa.

Anche dietro però non si scherza. Si forma un gruppetto di “amatori” composto da Oscar Lazzaroni,Andrea Giupponi, Gigi Bonucci, Joshef Mostosi e Cristian Boffelli che comunque non lasciano nulla di intentato per provare a raggiungere i big davanti.

La vittoria però ormai è un fatto a due, troppo infatti è il vantaggio che il duo Deho\Cattaneo ha accumulato durante la corsa. Entrando nel fettucciato finale il biker di Santa Brigida è leggermente più veloce dell’inossidabile Marzio Deho: Johnny Cattaneo (team Selle San Marco Trek) si aggiudica cosi la 27essima edizione del Trofeo AutoGhinzani. Dopo soli quattro secondi arriva l’immenso Marzio Deho (Cicli Olympia). Sul terzo gradino del podio invece sale Umberto Corti (Pinarello Controltech). Massimo Rosa (Team Pala Fenice) si piazza invece in quarta posizione.

E dietro? I cinque forti amatori all’inseguimento non si sono mai dati per vinti e fino alla fine hanno spinto al massimo per ridurre il gap con i battistrada. Sul traguardo, in quinta posizione, si piazza il giovanissimo Cristian Boffelli (Team Pavan) che anticipa di pochissimo lo storico Gigi Bonucci (DT Bike Globe Piazzatorre). Settima ed ottava posizione per la coppia WR Compositi Mostori/Lazzaroni. In nona posizione invece troviamo il campione italiano di categoria Andrea Giupponi (Orobie Cup Team). Chiude la top ten il giovane elite bergamasco Andrea D’Anneo (KTM Protek Dama).

Tra le donne si impone invece Monica Maltese (SC Triangolo Lariano) che precede di una quarantina di secondi la campionessa italiana MX Simona Bonomi che da quest’anno difende i colori del Team Isolmant. Chiude il podio femminile Rossi Carolina Santina anche lei del team Isolmant.

 

Classifiche complete qui.

 

www.orobiecup.it