24H MTB Italian Challenge – #2: il team Santa Marinella – Cicli Montanini vittorioso alla 24Ore Val Rendena

Comunicato stampa

Gli 8 biker della squadra laziale hanno macinato ben 104 giri per un totale di 530 km.

«Siamo molto contenti perché abbiamo potuto impostare la gara come volevamo e siamo riusciti a dare il meglio»

È questo il commento a caldo di Gianfranco Mariuzzo, capitano del team Santa Marinella – Cicli Montanini a conclusione della 24Ore Val Rendena MTB – Memorial Martino Maffei: «personalmente partecipo a questa gara da 12 edizioni – aggiunge – e, come sempre, l’organizzazione è stata impeccabile. Sono sicuro che questo bel risultato sia stato possibile grazie ai miei compagni che hanno dato il massimo: siamo un gruppo molto affiatato».

premiazioni_creditsFoto_ClaudioMerisio

Al secondo e terzo posto per la 24Ore Val Rendena MTBMemorial Martino Maffei,  valida come prova del circuito nazionale 24h MTB Italian Challange, sono arrivati invece gli atleti di Bike Tribe 1 Salgareda e Bike Tribe 2 Salgareda rispettivamente con 97 giri (poco meno di 495 km) e 86 giri (439 km).

Premiazione_MTB_F_creditsFoto_ClaudioMerisio

Una bella gara dunque che ha visto sfidarsi i biker su un tracciato di 6 km caratterizzato da diversi tipi di fondo: dall’asfalto all’erba, passando per lo sterrato e il pavé dalle 12 di sabato alle 12 di domenica, con uno stop dalle 1:30 alle 7. «Purtroppo – conferma il presidente della 24Ore, Fabrizio Polla – le condizioni meteo durante la notte ci hanno fatto sospendere la gara, ma è andata comunque molto bene e non ci sono stati problemi».

Apprezzato anche il tradizionale passaggio tra i paesi di Strembo, Bocenago e Caderzone Terme che ha permesso di alternare tratti semplici e pianeggianti a salite ben più impegnative dove, a scandire il ritmo della gara, sono stati i concorrenti delle squadre vincitrici.

Non solo squadre però, anche i solitari, trainati dall’entusiasmo di Tiziano Carraro, dell’Asd Team Venice Cycles, non sono stati da meno. Carraro, con i suoi 83 giri (423 km) ha staccato Peter Piazza, della Custom4it, e Claudio Pellegrini, Mtb Santa Marinella entrambi con 79 giri e 402 km.

Bene anche la 6Ore Val Rendena MTB – Memorial Amos e Tiziano Polla valida per il Triveneto MTB Endurance che ha visto trionfare Pierluigi CennamoBrao Caffè Unterthurner, con 30 giri in 6 ore e 24 secondi per un totale di 153 km. Stessi km e stessi giri per Alberto Gottardi, staccato di poco più di 10 minuti e tallonato da Luca Pellegrini del Gs Alto Adige – Sv Sudtirol.

«Come organizzatori – commenta Polla – non possiamo che essere soddisfatti di questa manifestazione e, visto anche l’apprezzamento della 6Ore MTB, è probabile che per l’edizione 2018 ci siano dei cambiamenti». Per il Comitato infatti è possibile che la 24Ore lasci spazio ad una nuova formula che, anticipa il presidente «potrebbe essere una partenza in linea su una distanza di circa 20 km organizzata in due giornate».

Da alcuni anni però la 24Ore Val Rendena, ed in particolare il Parco Giorgio Ducoli, sono diventati il fulcro di un evento MultiSport.

Ed è proprio in quest’ottica che vanno i risultati della 6ore Val Rendena Running e della 24ore Val Rendena Volley.

Nella corsa al primo posto si è piazzato Ivan Battisti, del Lagarina Crus Team con 40 giri ed un totale di 72 km, seguito da Stefano Marcello Burlon della Scuola Di Maratona Tv, con 38 giri e 68 km, e Mattia Fiorini dell’Atletica Carpenedolo.

«Anche per la corsa – sottolinea il presidente Polla – la formula 6Ore è piaciuta molto ed è probabile che per il 2018 si possa pensare ad una maratona su un circuito di 3 km».

Positiva anche la partecipazione alla 24Ore Val Rendena Volley – “Trofeo La Bottega Che Cercavi” che ha visto scendere in campo 11 squadre. Ad avere la meglio su tutti il team degli organizzatori “La Bottega Che Cercavi” che ha battuto la squadra “Avis Man”.

Nulla da fare invece per una delle due novità del 2017 la 24ore Val Rendena Parapendio curata dall’associazione sportiva Par Aria e tappa del Campionato interregionale Triveneto di Parapendio «a causa dell’instabilità del meteo – spiegano i responsabili – non è stato possibile disputarla, ma la riproporremo l’anno prossimo».

Bene invece la 24ore Val Rendena Fly Fishing Contest «siamo molto contenti – sottolinea il coordinatore, Paolo Ferrazza – e sicuramente, se ci sarà data la possibilità, parteciperemo anche alle prossime edizioni».

Anche quest’anno dunque la 24 Ore Val Rendena si conferma non solo come un evento capace di far confluire nelle Valli Giudicarie gli appassionati dello sport da tutt’Italia, ma anche come motivo di festa e divertimento «ci piace pensare che questa sia, e possa continuare ad essere una “festa” per tutti, grandi e piccini, proprio come la vogliamo noi».

Classifiche complete

Prossima prova il 2-3 settembre con la 24 Ore Val di Fiemme.

(Photo credit: Claudio Merisio)