Zero Wind MTB Cup: ASD San Bortolo dovrà consolidare il primato alla Crespadoro Bike

Comunicato stampa

crepadoro-bike-2016_02

Torna sul palco tra 20 giorni un nuovo atto dell’opera Zero Wind MtbCup. Inizia il periodo estivo e con i primi caldi entra in scena la montagna nuda e cruda. La Crespadoro Bike quarta tappa del challenge Zero Wind MtbCup porterà i biker a sfidarsi tra i sentieri delle Piccole Dolomiti. Paesaggi affascinanti accoglieranno gli amanti della mtb. Crespadoro Bike è alla sua QUARTA edizione, è la new entry del challenge, ma nonostante questo ha tutti i presupposti per essere una gara spettacolare. E’ luogo di storia; sui suoi monti si sono svolte numerosi fatti risalenti al periodo della Resistenza.

E’ luogo di favole e leggende narrate dai nonni, davanti ad un fuoco acceso per incantare l’attenzione dei nipotini. Tra i boschi di Crespadoro la leggenda narra storie di elfi, gnomi e maghi; chissà…. Forse qualcuno inmtb potrebbe essere il protagonista di una nuova favola da essere raccontata quest’inverno davanti al camino……..

E’ luogo anche di sacrificio e sudore. Il percorso di 42km presenta un dislivello di 1700mt. Poco si sa di lui, non per colpa del C.o. ma perché questi sentieri raramente sono stati solcati dalle ruote di una mtb. Si sente bisbigliare di un ardua mulattiera, il Cavallaro, dura, a tratti impervia, ma il paesaggio che regala è unico nel suo genere. Si passerà anche da Monte Falcone, o meglio appena sopra Recoaro Mille, la vista che si apre da qui è da cartolina. Sotto le ruote della mtb scende a valle la pista nera del comprensorio sciistico Recoaro Mille, raggiungibile, dal paese termale attraverso una funivia. Da qui si scende verso Campodalbero passando dal rifugio Beppe Bertagnoli. Luogo di sosta per molti stradisti, dove si fermano per una birra e un panino, dopo aver affrontato una salita di oltre 12km.

Nonostante sia un classic La Crespadoro Bike ha un alto coefficiente di punteggio, dato dal fatto che presenta un dislivello notevole per un 42km. I team sono avvertiti. Asd San Bortolo avrà l’obbligo di difendere il primato e consolidarlo ancora di più. Gli altri team inseguitori dovranno invadere Crespadoro per poter dare filo da torcere al team di Monselice. Non è facile togliere 4000 punti ma non è cosa  impossibile. Dal secondo al sesto posto i punti che separano le varie squadre sono pochi. Il Bike Team 2000 Italianjet dovrà guardarsi le spalle non da una squadra, ma da ben 4 : Il Team Rudy Project che arriverà nell’alta valle del Chiampo con voglia di riscatto dopo l’amara prestazione alla DivinusBikeClivus, il Wild Wind che vorrà riconfermare l’ottima prova offerta al Campionato Italiano Marathon, l’ASD Racing Bike e Mtb Biga Squadra Corse che ambiscono anche loro al podio.

Lo Zero Wind MtbCup è una sfida aperta, senza esclusione di colpi, le sue gare sono avvincenti, come  avvincente è stata la scelta di privilegiare il gruppo e non il singolo. Lo spirito di squadra porta il biker a superare tutte le avversità, ma nello stesso tempo ad aiutare un compagno che indossa gli stessi colori della sua maglia. Il gruppo forma l’uomo, lo aiuta a crescere e maturare, rendendolo consapevole di ciò che realmente vale.

3 APRILE – GF TRE VALLI – Tregnago (Vr)
10 APRILE – PROSECCHISSIMA – Miane (Tv)
29 MAGGIO – DIVINUS BIKE Clivus – Monteforte d’Alpone (Vr)
17 LUGLIO – CRESPADORO BIKE – Crespadoro (Vi)
3 SETTEMBRE – 3EPIC TRE CIME DI LAVAREDO – Auronzo di Cadore (BL)

www.zerowindmtbcup.it