Alpe Pianoni



03102009866.jpgUn giro non molto lungo che attraversa un alpeggio situato su un promontorio di Cannobio.

..

..

..

Parto dal parcheggio nei pressi del campo sportivo di Cannobio. Salgo sulla statale e imbocco la ciclabile che costeggia il Torrente Cannobino.

2126355741

 

Attraverso i bei prati che caratterizzano la ciclabile, fino a giungere nei pressi del Ponte Ballerino. Lo ignoro e proseguo dritto, costeggiando sempre il torrente.

862109427

 

Raggiungo, così, l’orrido di S.Anna.

873301436
1081502365

Ammirato il panorama, prendo il sentiero sulla destra fino a risalire alla chiesa. Qui percorro la strada asfaltata che mi porta, in salita, sulla strada della Valle Cannobina. La percorro fino a vedere, nei pressi di una curva, una stradina in asfalto sulla sinistra con un cancello. Supero il cancello e comincio a salire. Dopo aver attraversato un buon numero di tornanti raggiungo l’Alpe Pianoni. La strada asfaltata termina in uno spiazzo da dove partono due sentieri. Prendo quello a sinistra in discesa e percorro così un bellissimo sentiero che attraversa diverse baite dell’alpeggio. Seguo il sentiero segnalato CAI fino ad un bivio in prossimità di alcune baite.

818503875

 

Qui proseguo sulla sinistra e comincio a scendere, prima leggermente e poi, immettendomi su una vecchia mulattiera, in maniera più decisa. Incontro anche qualche abitante del luogo.

1298532590

 

La mulattiera è alquanto ripida ma in alcuni punti offre uno stupendo panorama.

1960134342

 

Raggiungo, così, la strada provinciale e la riprendo in direzione dell’orrido di S.Anna. Ridiscendo il sentiero dalla chiesa e mi immetto di nuovo sulla ciclabile. Stavolta non la percorro tutta, nei pressi di Traffiume la lascio e mi immetto nel paese. Raggiungo la chiesa e imbocco la strada sterrata che conduce a Gerbia.

A Gerbia proseguo su asfalto e mi dirigo verso la strada statale, fino a raggiungere il parcheggio di Cannobio.

 

(km 16, dislivello totale in salita circa 560 m)

 

Summer Sale wk28 - 728x90  
 
 

Share this:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *