Il Parco del Partenio tra le meraviglie della Granfondo di Montevergine




La Granfondo Mtb di Montevergine del 5 marzo si prepara a far vivere agli appassionati di ciclismo fuoristrada un’altra memorabile edizione con lo stesso entusiasmo e la stessa professionalità da parte dei sodalizi Linea Bici e Partenio Mtb con l’obiettivo di essere un vero punto di riferimento non solo della Campania ma a livello extra-regionale per gli aderenti ai circuiti Giro della Campania Off-Road e del brevetto i Fiori dei Parchi Naturali.

Si preannuncia un’edizione rinnovata e tutta da seguire dove gli organizzatori sono pronti a dare il massimo per la riuscita della manifestazione che ha in Mercogliano la nuova sede di partenza e di arrivo.

Il Partenio rappresenta il punto d’incontro di quattro province campane Avellino, Benevento, Napoli e Caserta. Si tratta di una catena montuosa che non ha sbocco sul mare ed è lunga circa 30 chilometri e le sue cime più famose sono Monte S.Angelo ad ovest e Montevergine ad est.

L’elemento predominante di tale montagna è, senz’altro, il bosco dove i castagneti, di ampie dimensioni, coprono buona parte della superficie mentre, solo ad alta quota, si trovano querceti e boschi misti con numerose essenze tra cui il nocciolo selvatico, l’acero, il carpino nero, il frassino, il salice, ecc. Le basse quote sono, invece, coltivate a vite e ulivo sul versante caudino, mentre su quello baianese domina la coltivazione del nocciolo.

Le risorse naturalistiche del Partenio, con i suoi paesaggi, i suoi boschi, le sue fonti, le sue acque sotterranee, i suoi rifugi, il suo patrimonio faunistico, geologico, archeologico, costituiscono un bene prezioso per i 22 Comuni che ne fanno parte.

La granfondo, aperta anche alle e-bike, si articola su un percorso di 46 chilometri tra i territori comunali di Monteforte Irpino, Mugnano Del Cardinale, Quadrelle, Summonte, Ospedaletto e Mercogliano, tecnicamente abbastanza impegnativo caratterizzato dafondi molto variabili, terreni battuti e tratti con pietraie alternati a una tipologia di terreno semi sabbioso: un bel banco di prova per testare gambe e fiato nella prima gara su lunga distanza di inizio stagione. In alternativa i meno allenati possono scegliere il tracciato escursionistico di 26 chilometri.

Fino al 19 febbraio ci si potrà iscrivere alla quota di 25 euro per poi salire a 30 euro fino al 2 marzo ed infine 35 euro la mattina del 5 marzo prima della partenza. La quota prevede pacco gara per i primi 400 iscritti, premiazioni, rifornimento in gara, assistenza medica e tecnica, pasta party, docce e lavaggio bici.
Eventuali accompagnatori potranno pranzare al costo di 5 euro mentre per gli escursionisti sono previste le stesse tariffe.

Il riferimento per le iscrizioni è http://www.mtbonline.it/iscrizioni/1591 .

Luca Alò

Share this:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *