Domenica ultima tappa toscana degli IMA Scapin

Comunicato stampa

prato5

Si terrà domenica prossima la quarta ed ultima tappa toscana degli Italian MTB Awards marchiati Scapin, a Prato in occasione della Da Piazza a Piazza.
Una tappa che deciderà molto anche in classifica, poichè trattasi anche dell’ultima prova a percorso marathon a disposizione per racimolare punti preziosi per il proseguo del circuito.

Molte sono le novità che arrivano dall’organizzazione: dal drone che seguirà la gara dall’alto, fino alle tante iniziative legate al tracciato, ma ecco cosa hanno comunicato direttamente da Prato:
“I RECORD SULLA MITICA SALITA DELLE CAVALLAIE
Francesco Casagrande che tra l’altro detiene il record della salita delle Cavallaie, la salita di 4,1 chilometri con pendenza media del 7 per cento; si percorre dopo il primo tratto che seleziona il gruppo, quello della salita in asfalto di Schignano: l’ascesa comincia dall’agriturismo della Fattoria di Javello (posto alloggio convenzionato con l’organizzazione) e arriva fino a quota 1000 metri della sommità del monte Javello. Il record di Casagrande è stato fatto nell’edizione di Da Piazza a Piazza di due anni fa quando l’ex professionista su strada salì in 15’24”. Il vincitore dello scorso anno Daniele Mensi lo segue a ruota in questa speciale graduatoria con 15’39”.
Tra le donne il record è dello scorso anno e appartiene alla vincitrice, Katazina Sosna della Torpado Factory Team con 20’21”.

Tutta la prima salita completa invece, da quando si lascia la vallata pochi chilometri dopo il via e si imbocca la ripida strada asfaltata che porta a Schignano da Serilli (3,6 km all’8,3 %) fino alla cima, misura in tutto 12,7 chilometri, con una pendenza media del 5,3 per cento. Qui il record appartiene a Daniele Mensi, il portacolori della Soudal LeeCougan vincitore lo scorso anno, quando impiegò 39’10” per percorrerla tutta fino alla sommità (dove peraltro si dividono i due percorsi).
In campo femminile il record è sempre della Sosna che l’anno scorso impiegò 50’52”. (Dati di rilevamento da Strava).

Sono questi comunque record che probabilmente sono destinati a cadere nell’edizione 2017 perchè la salita delle Cavallaie, storicamente ricca di ciottoli semoventi e tante “trappole” lungo il percorso quest’anno si presenta molto più percorribile e compatta nel fondo, vuoi per il lavoro dei boscaioli che la percorrono con i mezzi a motore, vuoi per il lavoro accurato di sistemazione del percorso che è stato fatto anche quest’anno dai volontari dell’Avis Verag Prato anche in queste settimane appena trascorse.”

Insomma, tutto pronto a Prato per l’ennesima edizione della Da Piazza a Piazza, che sicuramente saprà offrire ai bikers un appuntamento indimenticabile.