Alla 6h del Casale vincono tutti!!!

Comunicato stampa

 

Castiglioncello (LI), domenica 30 agosto

Ore 17:15: compagni di squadra, accompagnatori, spettatori, Comitato Organizzatore, spettatori sono tutti in attesa e curiosi di vedere chi vincerà la seconda edizione della 6h del Casale.

Una lunga battaglia sportiva ha accompagnato i due team Ciclissimo bike e Nuvolera bike fin dalle prime battute di gara, con un testa a testa e cambi fra i componenti sempre all’unisono.

unnamed

All’arrivo la sorpresa; Tommaso e Cristian durante l’ultimo giro hanno deciso di tagliare il traguardo insieme, vittoria assegnata a pari merito, a nostra memoria mai successo in una gara endurance.

Il giusto epilogo di una due giorni fantastica dove a vincere è stata la lealtà sportiva dei due team unita allo spirito partecipativo decubertiano di tutti i concorrenti.

unnamed (1)Partiti il sabato con una XC Eliminator vinta dal terribile ragazzino Luca Cerri su Jef Benato (miglior giro il giorno dopo e vittoria di categoria per lui); terzo gradino del podio per Armando Grillo.

Vince la due giorni livornese soprattutto il C.O. Avis Rosignano, orgoglioso dei sorrisi di tutti gli partecipanti dopo mesi e mesi di programmazione, sfociata in un evento di rara bellezza.

Vince la location della manifestazione: il resort Casale del Mare sorge su una terrazza naturale sullo splendido mare di Castiglioncello; con il campo sportivo usato durante l’anno per gare ippiche, gli ampi spazi adiacenti, la grande piscina, offre tutti i confort anche a tutti i familiari al seguito dei partecipanti.

Vincono le splendide signore del ristoro gara che nonostante il caldo opprimente hanno servito tutti, atleti e accompagnatori, senza mai fermarsi, ma sfoggiando sempre uno spontaneo sorriso toscano.

Vince My Sdam Toscana Timing, nessuna sbavatura sul cronometraggio gara.

Vince FotoCastagnoli, con i suoi scatti lascia una traccia indelebile della manifestazione.

unnamed (2)

Vince il terzo bronzo di Riace in carne e ossa, plurimedagliato mondiale e olimpico in una disciplina di sacrificio fisico come il canottaggio Lorenzo Carboncini (Cicli Taddei) che si è imposto fra tutti i solitari in gara, avvalorando la tesi che un atleta rimane sempre un atleta.

Vincono le rispettive categorie:

Tandem:

1) ASD La Fenice (Roberto Ferrarassa e Manuela Rossi)

T2:

1) ASD S.Marinella Tonica e Cicli Montanini (Jefferson Benato, Gianni Panzarini)

2) I Fiorentini

3) Cairoli Pourcel

T3:

1) ASD Nuvolera bike (Simone Arici, Alessandro Filippini, Cristian Ragnoli)

1) Ciclissimo bike (Tommaso Rega, Giacomo rega, Emiliano Pellegrini)

3) MBM

Team Femminile:

1) GS Mania delle due Ruote (Beatrice Lischi, Antonella Lomi)

2) GC Iseo asd

F1 Miss:

1) Oriana Goretti (ASD Mobility bike)

2) Elena Perin (Adventure & Bike)

F1 Lady:

1) Elisabetta Dani (ASD S.Marinella Tonica e Cicli Montanini)

2) Elena Porta (T90 Sport ssd)

3) Maria Grazia Bazzà (Pedale Sanbassanese)

M1 Junior:

1) Peter Piazza  (Adventure & Bike)

2) Andrea Paris (Giangi’s Team)

3) Nicolò barbieri (CC Cremonese)

M1 Senior:

1) Lorenzo Carboncini (Cicli Taddei)

2) Lorenzo Bedegoni (ASD Chero Group)

3) Emanuele Colombo (Team Biciaio)

M1 Master:

1) Claudio Pellegrini (ASD S.Marinella Tonica e Cicli Montanini)

2) Andrea Mainardi (GS Mania delle due Ruote)

3) Fabio Giammarchi (ASD La Torre Brondello)

M1 Gentlmen:

1) Lorenzo Borgi (ASD S.Marinella Tonica e Cicli Montanini)

2) Gianfranco Arrigoni (RE Bike Team)

3) Renato Borsani ( US Sangiorgese)

VIP:

1) Morgan Pilley (ASD S.Marinella Tonica e Cicli Montanini)

2) Luca Cerri ( SC Formigosa)

Fat Bike:

1) Enrico Gioia ( ASD Centro)

Tutte le classifiche della manifestazione sono visionabili e scaricabili sul sito My Sdam a questo LINK. Per visualizzare il dettaglio dei tempi sul giro, basta cliccare sopra il proprio nome.

Vince sicuramente l’umiltà e il valore umano di un campione che non ha bisogno di presentazioni.

Dopo anni di esasperazione agonistica, sempre al centro dell’attenzione, e decine e decine di vittorie per tutto il globo, Paolo Bettiniattacca per la prima volta un numero alla propria mtb e trova il modo di divertirsi in gara, di emozionarsi ed emozionarci.

unnamed (3)

Queste le sue parole: “Oggi è la prima volta che attacco il numero ad una mtb! Una sei ore era una formula che non conoscevo,  l’ho trovata veramente divertente e aggregativa, complimenti a tutto l’Endurance Tour”

Spirito di aggregazione; chi non conosce il nostro circuito può pensare all’abuso di questo termine.

E’ stato un nostro slogan e il nostro più caro auspicio fin dalla prima edizione del circuito perché crediamo che, ancor prima che il giusto e sano “agonismo”,  nel mondo “amatoriale” le prerogative fondamentali debbano essere appunto aggregazione e socializzazione.

Con la 6h del Casale si è raggiunto uno dei punti più alti della settennale storia del circuito e qualche migliaio di partecipanti; di anno in anno, di tappa in tappa, abbiamo sempre cercato di promuovere questo spirito con la presunzione di esserci in parte riusciti.

Aggiornate le classifiche generali del circuito.

Foto Ufficiali disponibili on line su fotocastagnoli.net

Non ci resta che darvi appuntamento all’ultima tappa del circuito.

La URCIS 6h in programma per sabato 3 ottobre alle ore 15:00 con la solita formula “Day and Night” a Orzinuovi (BS) durante la quale saranno anche effettuate le premiazioni finali dell’Endurance Tour 2015.

Nei prossimi giorni la presentazione della maglia confezionata per i vincitori dal main sponsor Bi Bike Mkf.

Come sempre,

Endurance Tour: “ Chi ci segue si diverte”