10 anni fa: Titus El Guapo

La El Guapo fu realizzata da Titus allo scopo di colmare il vuoto  presente nella sua gamma tra la Moto Lite da trailride e la Super Moto da freeride. Vuoto colmato dunque da questo storico marchio statunitense che andava ad inserire in un segmento all mountain questa sua full caratterizzata da uno schema di sospensione basato su un Horst-Link (con licenza di utilizzo acquisita da Specialized, all’epoca detentrice del brevetto).

6a00d83453f71269e200e54f8aef3e8834-800wi

Nello schema di sospensione spiccava la notevole dimensione del link di collegamento dei foderi alti con l’ammortizzatore ed il tubo obliquo, caratterizzato da una pregevole lavorazione CNC. L’articolazione della sospensione, inoltre, si basava su cuscinetti sigillati e sovradimensionati, a dimostrazione della destinazione d’uso della El Guapo, che si dimostrava pienamente fruibile anche nei bike park più impegnativi e per chi non voleva necessariamente sfruttare gli impianti di risalita.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dieci anni fa era ancora lontano il concetto di instradamento interno al telaio di cavi e guaine, eppure la El Guapo sfoggiava una notevole cura nei passaggi di cavi e guaine sulle tubazioni, che conferiva al mezzo una linea estremamente pulita.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Geometrie

Con la El Guapo, Titus rivoluzionava quelli che erano stati fino ad allora gli schemi geometrici delle sue creazioni, realizzando per questo mezzo una seduta meno arretrata ma più centrata e con un posizionamento più eretto.

Taglie disponibili: 43,2/46,4/52,7 cm
Orizzontale virtuale: 56,5/57,7/60,6 cm
Angolo sterzo: 68°
Angolo piantone: 71,5°
Altezza movimento centrale: 35,2 cm
Standover 75,4/77,5/78,5 cm
Tubo sterzo: 10,2/10,2/11,8 cm
Carro posteriore: 44,1 cm
Passo: 108,4/110,2/111,9 cm

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pro

La El Guapo sfoggiava una sospensione caratterizzata da una sostanziale assenza di movimenti indesiderati in fase di pedalata. Nonostante il peso importante, inoltre, il mezzo riusciva a sfoggiare una buona accelerazione in fase di rilancio. Ma era in discesa e nei tratti maggiormente impegnativi che dava il meglio di sé, senza scomporsi nell’affrontare salti di ogni genere.

Contro

Il peso richiedeva, nell’affrontare le salite, una pedalata regolare e agile.

IT - 728x90

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here